• Dal taccuino di Guido, pochi documenti scritti a mano che riguardano alcuni modi di fare dell'Argia
  • Argia prediligeva i primi piatti ma non tralasciava mai i salumi della tradizione ferrarese
Le dosi che solo ARGIA
sapeva utilizzare con passione e tradizione
ricerca - applicazione - consapevolezza
Il libro dei modi di cucinare dell'Argìa, vecchietta intraprendente, che non voleva nessuno in cucina
Per informazioni: laformadellatte@gmail.com
Eleonora
Daniele
Argìa e il cucchiaio di legno
Michele Grassi
©  2014 laformadellatte.it  - Michele Grassi P.iva: 00533720389 - Tutti i diritti sono riservati.
Argìa e il cucchiaio di legno
La cucina di altri tempi, liberamente ispirato
dopo un pasto immaginario con L’Argìa. Edizione 2015
Editore Tamellini
In cucina, l'Argìa aveva esperienza da vendere. Un po' per questo, un po',
forse, anche per un misto di circospezione e astuzia contadine, non credeva
necessario scrivere le sue ricette. Ma probabilmente non pensava che il suo
esempio sarebbe stato determinante per i suoi familiari, che hanno fondato la
loro cultura gastronomica e scoperto la loro passione per le buone cose
proprio grazie al suo modo di cucinare. Da qui nasce questo libro, dal
desiderio di un nipote di spiare postumamente la nonna Argìa nella sua
cucina, provando e riprovandone i piatti, alla caccia delle dosi giuste, del
giusto equilibrio di sapori.
"C'è un'attenzione, quasi religiosa - scrive Gianna Braghin nella prefazione -
per i gesti, i tempi, le azioni e le pause che seguono rituali antichi da
mandare a memoria: fare per imparare, imparare per trasmettere ed infine,
trasmettere per non dimenticare." L'operazione di recupero di tutta una
tradizione che fa l'autore di questo libro ha il merito di un salvataggio, lo
scopo quasi di fissare nella mente una rivelazione preziosa, il gusto di una
scoperta.
Dopo tanti anni, tra un soffritto e l’altro, è nata l’idea di scrivere una buona parte dei modi di cucinare dell’Argìa ma anche di elaborazioni culinarie che ho provato e riprovato, sempre con i modi di quella vecchia e sapiente cuoca.


Non considerate questo libro come una raccolta di ricette, leggetelo per la curiosità di capire come una vecchietta vivace, intrigante e maliziosa, l’Argìa, vorrebbe che faceste.
Iniziatelo e terminatelo, senza interrompervi al termine dei capitoli.



torna a libri